Torna alle vetrine di PiazzaLeonardo »
 
   
 
 






 ISS - Istituto Superiore di Sanità    
Viale Regina Elena 299 00161 Roma

Email paola.fattibene@iss.it
Web www.iss.it/

Contatto: Dott.ssa Paola Fattibene
 
   
 

L'ISS - Istituto Superiore di Sanità è un ente di diritto pubblico costituito nel 1934, posto sotto la vigilanza del Ministero della Salute che, in qualità di organo tecnico-scientifico del Servizio sanitario nazionale in Italia, svolge funzioni di ricerca, sperimentazione, controllo, consulenza, documentazione e formazione in materia di salute pubblica.

L’ultimo anno vede l’ISS emergere nei ruoli tradizionali di promozione delle attività di ricerca e di sperimentazione, nella sempre maggiore incidenza delle funzioni di controllo, vigilanza, certificazione e nelle iniziative di formazione, suo terzo pilastro.

Ricerca, innanzitutto. Attuata attraverso programmi di studio e sperimentazioni cliniche effettuate in collaborazione con gli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS) e le Aziende Ospedaliere (AO), essa è attestata dalle circa 900 pubblicazioni all’anno ospitate da riviste scientifiche di prestigio, tra cui Chemical Reviews, Cell Stem Cell, PLoS Medicine.

La ricerca scientifica è al centro della missione dell’ISS, è il suo cuore e batte al ritmo delle collaborazioni estere e dei riconoscimenti ottenuti in ambito internazionale, tra i quali l’accordo con i National Institutes of Health (NIH) americani, il primo del genere ad essere siglato con un istituto americano.

Ma è anche una ricerca saldamente radicata al tessuto connettivo del Servizio Sanitario Nazionale (SSN), del quale l’ISS, in qualità di organo tecnico-scientifico, valuta gli esiti delle applicazioni terapeutiche in modo da stimolare la qualità nei servizi sanitari.

È, infine, una ricerca ricca e articolata che apre il suo ventaglio a una molteplicità di collaborazioni con enti e istituzioni private nelle aree di eccellenza proprie dell’ISS: la lotta all’AIDS, la ricerca contro il cancro, lo studio delle cellule staminali, la lotta alle malattie infettive, la malattia di Creutzfeldt-Jakob (Creutzfeldt-Jakob Disease, MCJ CJD), il mantenimento e lo sviluppo delle reti epidemiologiche e di sicurezza alimentare e ambientale.

 

Resta costante la missione principale che è quella di agire come Organo Tecnico-Scientifico del Ministero della Salute e dell’SSN, virtuale aggregazione degli autonomi servizi sanitari regionali.

Principio di fondo nella missione dell’ISS è la simbiosi operativa tra attività di ricerca e attività di servizio. Infatti, è soltanto con l’eccellente livello di qualificazione scientifica che è possibile fornire servizio adeguato all’evoluto livello della domanda di salute nel nostro Paese.

Questa è la caratteristica della “unicità” dell’ISS: un organo che unisce l’eccellente livello di ricerca con adeguato servizio allo Stato, all’UE, ma soprattutto alle Regioni e alle Aziende Sanitarie Locali (ASL).

 

L’ISS svolge dalla sua fondazione attività di controllo, consulenza e ispezione nei settori di sua competenza: dalla patologia infettiva (identificazione e tipizzazione di virus, sorveglianza delle malattie infettive, ecc.) ai settori dell’ambiente (controllo sul territorio e negli ambienti confinati), degli alimenti (conservazione o contaminazione di cibi, nuove tecnologie alimentari, valutazione della sicurezza d’uso e delle piante transgeniche, ecc.), dei farmaci (medicinali, sieri e vaccini per uso umano e veterinario) e delle tecnologie biomediche.

Tale attività, svolta dall’ISS in qualità di massimo organo centrale di consulenza scientifico-tecnica dello Stato, si è andata progressivamente ampliando, sia in riferimento alla quantità degli interventi, sia in relazione all’evoluzione degli ambiti di indagine riferiti al comparto della sanità pubblica.

Questo tipo di azioni, in merito alle quali l’ISS svolge per legge compiti di indirizzo e di coordinamento, continua a rappresentare occasione di stimolo per le strutture periferiche dell’SSN e di potenziamento degli organi tecnici presenti sul territorio nell’azione di sorveglianza e tutela dell’ambiente di vita.

 

Il nuovo Statuto dell’ISS, entrato in vigore nell’ottobre 2014, ha previsto la distinzione, all’interno dell’Ente, tra programmazione e controllo da un lato, e gestione tecnico-amministrativa dall’altro, che si concretizza con la realizzazione di due Aree operative: area tecnico-scientifica; area operativo-amministrativa.

Il nuovo Regolamento di organizzazione e funzionamento dell’ISS prevede l’articolazione dell’Area operativa tecnico-scientifica in 6 Dipartimenti, 16 Centri Nazionali, 2 Centri di Riferimento, 5 Servizi Tecnico scientifici e un Organismo notificato.

 

DIPARTIMENTI

Ambiente e salute

Malattie cardiovascolari, dismetaboliche e dell’invecchiamento

Malattie infettive

Neuroscienze

Oncologia e medicina molecolare

Sicurezza alimentare, nutrizione e sanità pubblica veterinaria

 

CENTRI NAZIONALI

Controllo e valutazione dei farmaci

Dipendenze e doping

Eccellenza clinica, qualità e sicurezza delle cure

Health Technology Assessment

Malattie rare

Prevenzione delle malattie e promozione della salute

Protezione dalle radiazioni e fisica computazionale

Ricerca su HIV/AIDS

Ricerca e valutazione preclinica e clinica dei farmaci

Salute globale

Sostanze chimiche, prodotti cosmetici e protezione del consumatore

Sperimentazione e benessere animale

Tecnologie innovative in sanità pubblica

Telemedicina e nuove tecnologie assistenziali

Sangue

Trapianti

 

CENTRI DI RIFERIMENTO

Medicina di genere

Scienze comportamentali e salute mentale

 

SERVIZI TECNICO-SCIENTIFICI

Biologico

Coordinamento e supporto alla ricerca

Grandi strumentazioni e core facilities

Grant Office e trasferimento tecnologico

Statistica