Torna alle vetrine di PiazzaLeonardo »
 
   
 
 






 DICII - Ingegneria Civile ed Ingegneria Informatica dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata    
Via Politecnico 1 00133 Roma

Email gaetano.marrocco@uniroma2.it
Web dicii.uniroma2.it/

Contatto: Prof. Gaetano Marrocco
 
   
 

Il DICII possiede uno spiccato carattere multi-disciplinare, grazie ad un’inedita sinergia tra le scienze dell’ICT (Informatica, Elettromagnetismo Applicato, Robotica, Sensoristica, Bioingegneria) e le Scienze della Città e dell’Ambiente. Al suo interno è presente il LEP - Laboratorio di Elettromagnetismo Pervasivo (www.pervasive.ing.uniroma2.it) che da 20 anni si occupa di sviluppare innovazioni tecnologiche connesse con l’Elettromagnetismo applicato alle Telecomunicazioni ed alla Sensoristica polifunzionale.

Il LEP è articolato in:

- Laboratorio calcolo elettromagnetico; dotato di attrezzatura ICT, dedicato alle attività di modellistica elettromagnetica;

- Laboratorio prototipizzazione; equipaggiato con sistemi di scansione automatica e manuale della geometria spaziale di oggetti, applicativi software di modellazione tridimensionale e di stampa 3D, questo Laboratorio viene impiegato per la prototipazione rapida di antenne utilizzando plotter da intaglio di fogli di rame conduttivo, stampanti ad inchiostro conduttivo, sonda a Ring-resonator per la caratterizzazione di materiali, stazione di saldatura, utensili vari;

- Laboratorio misura per antenne e sistemi RFID; equipaggiato con Vector Network Analyzer, Scalar Network Analyzer, Spectrum Analyzer, pareti semi-anechoiche, si configura come una stazione per la caratterizzazione di antenne e sistemi RFID.

 

Per quanto riguarda la Ricerca, l'intensa attività del Dipartimento è sostenuta da finanziamenti pubblici e contratti privati e si sviluppa nelle Aree:

Architettura e Costruzione

Automation, Control and Robotics

Electromagnetics and Geoinformation

Ingegneria Ambientale

Ingegneria Civile

Ingegneria Informatica

Ingegneria Medica

Ricerche fisico-matematiche applicate

 

LINEE DI RICERCA

All’interno del DICII, il Laboratorio LEP possiede elevate capacità di modellistica avanzata di dispositivi radianti elettromagnetici integrati in materiali complessi (ivi incluse le mescole polimeriche, i liquidi, le polveri). Ha maturato un riconosciuto background nel design di sensori wireless e nella prototipizzazione e misura in realistiche condizioni di funzionamento.

Le recenti principali linee di ricerca sono:

 

RFID SENSORS & INTERNET OF THINGS

Negli ultimi anni il LEP ha portato avanti varie iniziative di ricerca sui sensori wireless contribuendo a traghettare l'Identificazione a Radiofrequenza (RFID) delle merci verso le reti di sensori passivi per il monitoraggio multi-parametrico di fenomeni fisici e di persone nel contesto dell'Internet of Things. Il LEP ha infatti sviluppato e sperimentato i primi radio-sensori basati sulla tecnologia RFID in grado di funzionare in assenza di batteria con una elementare di elettronica, capaci di misurare la deformazione di superfici, la temperatura, l'umidità, l'ammoniaca e vari altri tipi di gas e vapori per applicazioni al Monitoraggio della Salute delle Strutture (Structural Health Monitoring) e più in generale per l'analisi ambientale. In particolare il LEP ha sviluppato il primo radio-sensore passivo in grado di monitorare la temperatura all'interno di manufatti in calcestruzzo che è stato già sperimentato nel controllo di qualità della maturazione dei suddetti oggetti, e che ha generato un brevetto.

Il team del LEP è inoltre attivo nella ricerca sui sensori wireless per applicazione sul corpo umano (wearable and bodycentric networks) ed in particolare per quel che riguarda lo sviluppo di antenne RFID su supporto tessile nonché di radio-sensori impiantati all'interno di protesi ortopediche e dispositivi cardiovascolari. Il LEP ha inoltre introdotto l'uso di algoritmi di Brain Computer Interface (BCI) per la classificazione in real-time di gesti del corpo a partire dall'elaborazione dei segnali provenienti da sensori RFID indossabili.

 

ELETTRONICA EPIDERMICA

Il LEP ha avviato una nuova linea di ricerca sull'emergente tematica dei radio-sensori Bio-integrati (anche definiti come Elettronica Epidermica) per l'applicazione alla telemetria confortevole della salute dell'uomo. Il LEP ha studiato l'integrazione di membrane biocompatibili con antenne RFID al fine del monitoraggio wireless del processo di guarigione di ferite; ha inoltre sviluppato il primo termometro epidermico wireless privo di batteria in grado di essere letto a distanza maggiore di 50cm. L'esperimento ha stimolato l'interesse di varie agenzie di stampa per le sue potenziali applicazioni allo screening automatico di persone nell'ambito di protocolli di prevenzione e contenimento della diffusione di epidemie (Ebola, Sars, Meningite). Il dispositivo è in fase di sperimentazione presso il Policlinico di Tor Vergata (campagna MORETEC).