Iscriviti e partecipa al Forum. Inserisci i tuoi dati. Segui le istruzioni successive.
   
  E-mail
   
  Cognome
   
       
   
 
11/11/2019
CODICE CRISI: ALLERTA 25-30 MILA IMPRESE

"Dai primi calcoli con il nuovo Codice della crisi di impresa l'intera platea di aziende interessate dalle procedure di 'allerta' in fase di prima applicazione oscillerà tra 25 e 30 mila. Com'è inevitabile, una parte di queste falliranno". Lo paventa il presidente della Piccola Industria di Confindustria Carlo Robiglio all'apertura dei lavori del Forum annuale della piccola industria italiana esprimendo "grande preoccupazione". La nuova misura mira a prevenire il rischio insolvenza introducendo nuovi controlli.

"Non è solo statistica. Dietro alla statistica ci sono persone, famiglie, giovani, ci siamo tutti noi. C'è il nostro Paese e la sua capacità competitiva. Siamo tutti d'accordo di volere anticipare la possibile crisi di impresa per risolverla prima che si creino danni irreparabili. Ma non siamo in grado di traghettare in poco tempo un sistema industriale come quello italiano, senza creare disagio e panico in decine di migliaia di piccoli imprenditori", sottolinea Robiglio.

http://www.ansa.it/sito/notizie/economia/2019/11/09/codice-crisi-allerta-25-30-mila-imprese_8e34d219-78fb-4b10-bc1d-1c000416cd89.html


 
03/02/2020
VENEZIA: ACQUE ALTE A VENEZIA: LA SOLUZIONE MOSE
L'incontro si svolgerà a Venezia, Ateneo Veneto - Campo San Fantin, il prossimo 8 febbraio
 
31/01/2020
WORKSHOP “POSIZIONAMENTO, NAVIGAZIONE E TIMING: IL PROGRAMMA NAVISP”
Il Programma NAVISP per l’innovazione e la competitività: Stato attuale ed opportunità per l’ecosistema nazionale
 
30/01/2020
CNI E INAIL CONFERMANO IMPEGNO COMUNE IN TEMA DI SICUREZZA
Il Protocollo d’intesa CNI-INAIL prevede la realizzazione di una serie di attività congiunte finalizzate alla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori e alla diffusione della cultura della sicurezza
 
29/01/2020
FMI: PIL ITALIA +0,5% NEL 2020, RESTERÀ AI MINIMI UE
Rapporto Article IV sul nostro Paese. Il cuneo fiscale, ora al 48% molto più alto della media Ue al 42%, potrà essere ulteriormente tagliato utilizzando risorse provenienti da Iva, casa e lotta all'evasione
 


 
© 2005 PiazzaLeonardo - All Rights reserved